Skip to content

Il marketing dei ristoranti è migliore con gli influencer

Ci sono molte persone online che creano e condividono informazioni sulla gastronomia: blogger, instagrammers, youtubers – i cosiddetti “influencers” – che guadagnano credibilita’ dai loro seguaci che mangiano quello che postano. In marketing per ristorantista diventando sempre più necessario coinvolgere queste celebrità digitali, in quanto sono un canale ideale per raggiungere i potenziali clienti. E’ una cosa che non si puo’ fare strategia di promozione che, proprio come un ottimo stufato, richiede pazienza, dedizione e creatività per convincere gli influencer a pubblicare contenuti sul tuo ristorante e per raggiungere i loro seguaci.

È una sfida interessante per aumentare le vendite dei vostri ristoranti? Indubbiamente! Ecco perché vi presentiamo 3 visioni del processo, oltre a preziosi consigli su come attirare nuovi buongustai ai vostri tavoli.

Trovare l’influencer

Non tutti gli inflencers nella gastronomia sono rilevanti per tutti i tipi di attività di ristorazione. Un influencer che condivide informazioni sulla cucina asiatica sarà ideale per commercializzare un ristorante giapponese, ad esempio, mentre un influencer che è un intenditore di vino sarà perfetto per pubblicizzare un locale rivolto agli amanti del vino. L’importante è dare priorità al tipo di contenuti che pubblicano e all’influenza che hanno sulla loro comunità. Per fare questo, è essenziale studiare il profilo dell’influencer:

Jessica BodoutchianSocial Media Director dell’agenzia di marketing Tinkle, spiega il processo:

“Se vuoi assicurare la partecipazione di un influencer, devi analizzare le loro reti, capire il loro lavoro passato, sapere che tipo di contenuti pubblicano e guardare dove hanno già collaborato. E’ importante valutare il loro potenziale impatto prima di giungere ad un accordo – il loro pubblico (follower/abbonati), presenza (commenti, retweet, citazioni) – e quindi fare loro un’offerta basata su questa precedente analisi che corrisponda al loro posizionamento, e non per forzare la questione. Aiuta ad incontrarsi senza alcuna pressione commerciale o editoriale. E’ una buona idea andare a fare colazione in un piccolo gruppo per conoscersi e presentare il vostro prodotto. In questo modo, l’influencer conoscerà la tua faccia e sarà molto più facile contattarli”.

Conoscere l’influencer

Ferrán imedio, è un influencer nella gastronomia che scrive per El Periódico de Cataluña, un importante quotidiano catalano, ed è una delle persone che hanno dato vita all’iniziativa gastronomistas.com dove è descritto in questo modo: “È stato in più di 300 ristoranti solo negli ultimi due anni, ma il suo colesterolo è ancora a livelli normali”. E condivide due idee importanti:

Una volta arrivati al ristorante, è essenziale che…. “Sono trattato come tutti gli altri commensali. Se mi fanno schifo, non va bene. Alla fine della giornata, scrivo per i miei lettori e non per i ristoranti, quindi devo avere le stesse sensazioni che avrebbe avuto qualsiasi altro ristorante”.

Il vostro valore, se scelto come influente nella gastronomia, è…. “Che sono una giornalista. Nel mondo di oggi, altamente tecnologico, dobbiamo anche lottare per il nostro posto nella blogosfera. Io vivo di questo e per questo. E’ la mia professione, una professione che richiede anche che tu sia acceso 24 ore al giorno, costantemente connesso alle tue fonti e aggiornato su tutto ciò che accade nel settore”.

Julien Miquel, un influencer francese, sta sviluppando la sua professione di giornalista online con la passione per il vino, attirando 300 mila follower su tutti i social network in cui è presente. In effetti, il suo sito web socialvignerons.com ha vinto il premio per il miglior blog sul vino al Wine Blogs Awards 2015. Un’immagine pubblicata sul suo Instagram conto può raccogliere una media di 400 mi piace. Ciò significa che è sicuro di avere un impatto diretto su 400 persone.

Emiko Davies è uno dei blogger gourmet più riconosciuti nel panorama italiano. Condivide ricette ispirate principalmente alla cucina toscana e a tutte le sue esperienze gastronomiche. E’ una delle più belle ragazze del mondo influencer che, quando visita gli stabilimenti che le piacciono, condivide immagini come questa, e oltre 700 seguaci confermano di rispettare la sua raccomandazione con un “mi piace”.

Ottenere l’influencer dalla tua parte

Ci sono molti esempi di come i ristoranti interagiscono con gli influencer, come nel caso in cui il Restaurante Sagardi di Barcellona ha tenuto una conferenza e una degustazione per fornire informazioni sulla carne di maiale che usano nelle loro stufe a legna, così come i vari tagli di carne e ricette. L’evento è stato, naturalmente, frequentato da blogger del settore.


In sintesi, questi sarebbero i passi fondamentali per una strategia di marketing per la ristorazione incentrata sugli influencer:

  • Trova l’influencer corretto in base al tipo di contenuto che condividono.
  • Analizza i canali dell’influencer, le pubblicazioni e la storia online. Essere consapevoli delle loro motivazioni e che tipo di offerta può essere di interesse per i loro seguaci.
  • Interagire in modo naturale e onesto con loro senza intenzioni puramente commerciali, offrendo loro un certo valore.
  • Stabilire una relazione continuativa e personale, anche al limite dell’amicizia.

L’applicazione di questo con perseveranza, buon senso e, naturalmente, offrendo un’offerta gastronomica eccezionale, vi permetterà di vantare uno o più canali per attirare potenziali clienti, distinguervi dalla concorrenza e, naturalmente, aumentare le vendite del vostro ristorante.