Skip to content

Aprire un ristorante sano: Una tendenza per il 2020

Nel 2020, la gente vuole prendersi cura di se stessa più che mai e mangiare sano. Questa è una chiara tendenza nel settore della ristorazione, dove aprire un ristorante con una filosofia più verde sta diventando una necessità, come ora preferiscono i commensali:

  • Zucchero meno raffinato. Il 64% dei consumatori in Italia ha ridotto il proprio consumo, il 63% in Spagna e il 59% in Francia.
  • Prodotti naturali, senza additivi e alimenti con una lavorazione limitata. I consumatori prestano maggiore attenzione a ciò che c’è nel cibo che acquistano.
  • Prodotti freschi e locali. La gente vuole sapere l’origine degli ingredienti. Più locale è il produttore, meglio è.
  • Meno proteine animali e più da fonti vegetali. Il miglior hamburger del 2015 era una ricetta vegana.
  • Strutture rispettose dell’ambiente. I ristoranti con preoccupazioni ambientali e politiche di riciclaggio sono accolti meglio.

Ciò è stato chiarito in un’indagine condotta da TheFork alla fine del 2015, che ha rivelato un aumento del numero di tavoli prenotati in ristoranti sani.

Il Global Food & Drink Trends 2016, realizzato dalla società Mintel, sottolinea che le persone stanno cambiando il modo in cui si relazionano al cibo e che “I disastri naturali, i media e la connettività di massa stanno influenzando le abitudini alimentari e delle bevande in tutto il mondo come mai prima d’ora”.

Quindi, se il mondo sta cambiando….. i ristoranti si stanno adattando.

“La gente è commossa dalle preoccupazioni, e i ristoranti devono prestare particolare attenzione a queste ultime. Devono avere questo tipo di prodotti, perché la gente lo chiederà. È importante evidenziare questo aspetto sul sito web e sul menu, e che anche i camerieri lo comunichino”spiega Érika Silva, esperta di marketing gastronomico che crede che la moda di aprire un ristorante sano sia qui per restare.

Un altro fattore influente, soprattutto in Europa, è stato l’aumento del numero di persone allergiche e l’approvazione della legge sugli allergeni nel 2014, che obbliga le aziende a informare i propri clienti di tutte le sostanze contenute nei loro piatti e ovviamente a prestare maggiore attenzione a ciò che cucinano. Per questo motivo, i ristoranti hanno iniziato ad offrire alternative senza glutine e piatti privi di glutine e piatti privi di carne lavorata, come parte della loro strategia di vendita per la sezione della loro clientela che deve prestare particolare attenzione alla loro alimentazione.

Aprire un ristorante sano

Oggi ci sono molte imprese di questo tipo che hanno successo. Fondamentalmente hanno portato la cucina tradizionale ad un nuovo livello, incorporando ingredienti, tecniche e cultura aziendale più rispettosi dell’ambiente. Oggi è importante soddisfare non solo i palati dei clienti, ma anche il loro stile di vita. Questi ristoranti lo fanno sicuramente:

Stedsans a Copenaghen

Un vero esempio di ristorante sostenibile. Il ristorante è situato su un 600m2 sul tetto, circondato da un grande giardino urbano. I clienti ordinano il prodotto che vorrebbero mangiare; a Stedsans lo coltivano e lo trasformano nella loro offerta gastronomica. E’ semplice, cooperativa e sostenibile: una strategia di marketing e una filosofia aziendale volta a soddisfare le esigenze dei principali clienti.

Lino e cavolo a Barcellona

Questo ristorante promette niente di meno che il seguente sul suo sito web: “Siamo appassionati di darvi da mangiare meglio, in modo che possiate essere più felici e vivere più a lungo con una salute ottimale”. E ‘stato creato da Teresa Carles, che è stato un pioniere nella cucina vegetariana in Spagna dal 1979. Nella sua offerta culinaria, presta particolare attenzione alla qualità degli ingredienti e dei nutrienti che forniscono, creando il concetto di “cucina flessitaria“, con l’80% dei suoi prodotti provenienti da fonti vegetali e il 20% da pesce azzurro. Questo è in netto contrasto con l’establishment super-moderno.

L’Arpège a Parigi

Si tratta di un ristorante di alta cucina specializzato in verdure, per questo offre solo prodotti biologici di stagione, coltivati nei propri orti. Il suo proprietario, il rinomato chef 3 stelle Michelin Alain Passard, ha sviluppato la sua passione e il rispetto per la natura creando uno dei più emblematici ristoranti biologici di Parigi. Il suo giardiniere di punta spiega il processo in questo video.

Sweetgreen negli USA

Tre studenti universitari avevano bisogno di qualcosa: fast food sano. Dato che questo non era ancora sul mercato, hanno deciso di lanciare un ristorante adatto alle loro esigenze. Sono ora proprietari di un’azienda multimilionaria che ha stabilito un nuovo modello di business per il fast food fresco e biologico. Si tengono anche festival musicali a cui partecipano più di 25 mila persone, oltre a parlare di alimentazione sana nelle scuole locali. E’ piu’ di una semplice catena di ristoranti, e’ un’azienda lifestyle.

Anche all’IKEA, dove hanno scoperto che i loro clienti trascorrevano gran parte del loro tempo al bar, hanno dovuto adattarsi e offrire una versione vegetariana delle loro famose polpette.

Potremmo affermare, quindi, che aprire un ristorante sano è ormai un’attività redditizia con un potenziale di crescita ancora maggiore nel lungo termine. La gente chiede luoghi in cui mangiare in modo più sano e il settore offre sempre più opzioni. Il tuo ristorante è uno di questi?