Skip to content

No-Shows che diventa meno frequente

Sapendo che il no-show è un vero problema per la professione, TheFork ha deciso di intraprendere un’azione preventiva sviluppando un piano anti no-show e fornendo ai ristoratori gli strumenti per combattere efficacemente il no-show.

Queste azioni sono accompagnate da una campagna pubblicitaria per raggiungere il pubblico, i media e naturalmente tutti coloro che sono coinvolti nel settore!

Il nostro obiettivo? Per ridurre al minimo il rischio che i clienti non si presentino e per effettuare una prenotazione su TheFork più sicura di qualsiasi altra prenotazione.

Il piano anti no-show è il risultato di un lavoro di base svolto nell’arco di diversi mesi con i ristoranti partner TheFork durante regolari e-mail o telefonate e in occasione di varie riunioni del consiglio di amministrazione dei ristoranti partner TheFork.

Come fa TheFork a combattere il no-show? Agendo sui seguenti punti:

  • Educare i clienti sugli effetti che possono avere i loro no-show
  • Invio di promemoria di prenotazione mirata ai clienti
  • Facilitare la cancellazione delle prenotazioni da parte dei clienti
  • Penalizzare i recidivi che non si presentano in sala operatoria
  • Fornire la possibilità per i ristoratori di richiedere i dati della carta di credito o il pagamento con carta di credito al momento della prenotazione
  • Dare maggiore visibilità ai ristoratori sul rischio di una prenotazione di no-show

Per saperne di più sul fenomeno del no-show, potete scaricare il nostro white paper e la nostra infografica sull’argomento:

 

Scarica il nostro white paper su no-show Scarica le nostre informazioni su no-show

I primi risultati del piano anti no-show sono già visibili. Il tasso di mancata presentazione è diminuito del 23% dall’introduzione di queste prime azioni. Tuttavia, se vogliamo frenare ulteriormente il fenomeno del “no-show”, abbiamo bisogno del vostro aiuto!

SVILUPPO DI NO-SHOW IN UN ANNO

Se, come noi, volete porre fine al “no-show”, condividere questo articolo con l’hashtag #goorcancel sui social network per sensibilizzare i tuoi amici.